Susan Arnold: Il “castello” di Walt Disney è addobbato per accoglierla .

Il sostituto di Bob Iger sarà la prima donna presidente dell'azienda nei suoi 98 anni di storia. Ha 67 anni e il suo nome è comune nelle liste delle donne più potenti del mondo

A poco a poco, le donne stanno guadagnando terreno nelle posizioni dirigenziali di grandi aziende in cui fino a poco tempo non erano quasi presenti.

Pochi giorni fa abbiamo appreso la notizia della nomina di Marta Ortega, figlia di Amancio Ortega, a presidente di Inditex.

E ora è stato il nome di Susan Arnold che è venuto alla ribalta dopo essere stato nominato il primo CEO donna nei quasi 100 anni di storia di The Walt Disney Company.

Arnold, 67 anni, che ha un curriculum impeccabile ed è regolarmente nella lista delle donne d’affari più potenti del mondo, succederà il 31 dicembre a Bob Iger, che ha guidato la multinazionale tra il 2005 e il 2020 come CEO.

Per Susan Arnold, che è nel consiglio di amministrazione da 14 anni, questa nuova posizione è più che una sfida, è un successo.

Il background di Susan

Non sarà la prima volta che sarà a capo di una grande azienda., dal momento che è già stato alla guida di grandi aziende come Carlyle Group, Procter and Gamble, la multinazionale di cosmetici e cura della persona proprietaria di marchi come Gillette o Tampax, o McDonald’s.

Tuttavia, e nonostante la sua vasta esperienza, sembra che lo scenario che dovrà affrontare a partire da questo 2022 non sarà del tutto facile poiché diversi dirigenti hanno annunciato i loro piani per dimettersi dalla società nelle prossime settimane, come il direttore degli studi, Alan Horn, il direttore creativo della Disney Branded Television Gary Marsh o il consigliere generale della compagnia Alan Braverman.

 

“Mentre assumo questo nuovo ruolo di presidente del consiglio di amministrazione, non vedo l’ora di continuare a servire gli interessi a lungo termine degli azionisti Disney e di lavorare a stretto contatto con il CEO Bob Chapek mentre lavora per continuare a migliorare l’eredità secolare di creatività eccellenza e innovazione dell’azienda”, ha affermato Susana Arnold.

Inoltre, il nuovo presidente ha voluto evidenziare la “leadership straordinaria” del suo predecessore Bob Iger negli ultimi 15 anni e ha elogiato “la sua chiara visione strategica di offrire prodotti di marca di alta qualità, adottare tecnologie all’avanguardia ed espandersi a livello internazionale”.

Durante il suo mandato, Iger ha acquisito Pixar (2006), Marvel (2009), Lucasfilm (2012) e 21st Century Fox (2019). Ha anche aperto un parco a tema della fabbrica Disney in Cina e ha lanciato Disney +. Inoltre, ha segnato un prima e un dopo con film come Frozen e Frozen 2 e The Avengers o Black Panther (entrambi della Marvel).

Con un nuovo membro all’interno del castello Disney, l’azienda spera di continuare a brillare nel mercato dopo che la pandemia, come il resto di numerose aziende, ha colpito dove fa più male.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>