TuttoDisneyLand Forum
25 Settembre 2020, 00:35:40 *
Benvenuto! Accedi o registrati.

Accesso con nome utente, password e durata della sessione
 
   Indice   Aiuto Agenda Accedi Registrati  
  • Pagine: 
  • 1
  Vai giù Vai giù
  Stampa  
Autore Discussione: Disney+  (Letto 1613 volte)
0 utenti e 1 Utente non registrato stanno visualizzando questa discussione.

Katia73
TDLStaff
Disney Utente
*


Scollegato Scollegato

Sesso: Femmina
Città: Provincia di Torino
Utente: Miss Tamara ECC
Messaggi: 20314

« inserita:: 22 Settembre 2019, 12:44:03 »

Disney+: cos'è, come funziona, uscita in Italia e catalogo

Dal 12 novembre sarà disponibile negli Stati Uniti Disney+, il nuovo servizio di streaming concepito dalla major americana per fare concorrenza a Netflix - il cui accordo con la Casa del Topo scade quest'anno - e Amazon in un'epoca in cui il consumo dell'entertainment si declina in un numero sempre maggiore di varianti. La piattaforma, annunciata due anni fa, intende raggruppare insieme tutti i brand della Disney: quello principale, la Pixar, la Marvel, il mondo di Star Wars e, complice la recente acquisizione della 20th Century Fox, il catalogo di quest'ultima, che include anche National Geographic.

Si prospetta quindi una nuova era per la Disney, con un'offerta a base di un ricco catalogo preesistente - Bob Iger, amministratore delegato della major, ha parlato di circa 7000 episodi di varie serie televisive e 500 lungometraggi - e produzioni nuove di zecca, realizzate appositamente per la piattaforma, tra film, serie, animazione, documentario e molto altro. In attesa dell'arrivo del servizio in Italia, e alla luce dei vari annunci fatti anche in occasione di convention come il Comic-Con di San Diego e il D23, evento dedicato interamente alle produzioni Disney, ecco la nostra guida a tutto ciò che riguarda Disney+.

Cos'è Disney+
Disney+ è una piattaforma di streaming il cui nome allude a tutto ciò che sarà disponibile, come suggerito dal recente trailer ufficiale e dal logo sulle locandine di alcuni dei progetti: Disney + Pixar + Marvel + Star Wars + National Geographic. E questo è solo un assaggio di ciò che potremo vedere, dato che nel catalogo rientreranno anche diverse proprietà della 20th Century Fox e il franchise dei Muppets. Non è ancora chiaro se saranno disponibili i film prodotti da DisneyToon Studios (per intenderci, i sequel e spin-off animati usciti principalmente in VHS/DVD anziché nelle sale), mentre è già noto che il servizio si rivolgerà a un pubblico di bambini e famiglie. Pertanto, mancheranno all'appello tutti i lungometraggi destinati a spettatori più maturi, tra cui quasi tutta la produzione targata Touchstone Pictures, che saranno invece su un'altra piattaforma, Hulu, prossimamente disponibile in un pacchetto che comprende Disney+ e ESPN+, il servizio di streaming del network sportivo ESPN.

Come funziona Disney+
Come altre piattaforme che offrono un servizio simile, Disney+ sarà accessibile su diversi dispositivi: computer, app su dispositivi Apple (compreso Apple TV) e Android, Chromecast, PlayStation 4 e Xbox. A giudicare dalle preview mostrate negli ultimi mesi, l'interfaccia avrà un uso abbastanza intuitivo, simile a quello di Netflix e affini: dal menù principale si potrà accedere ai vari titoli, suddivisi per categorie (serie, film, novità, franchise di appartenenza). Non è ancora chiaro se, come per altri servizi di streaming, anche Disney+ avrà una specie di algoritmo che consiglierà determinati prodotti in base alle abitudini di visione del singolo utente.

Uscita in Italia e prezzo
Come abbiamo già detto, Disney+ sarà disponibile sul territorio nordamericano - Stati Uniti e Canada - il 12 novembre, e lo stesso giorno debutterà anche nei Paesi Bassi. Esattamente una settimana dopo, il 19 novembre, il servizio arriverà anche in Australia e Nuova Zelanda. Per gli altri paesi il lancio dipenderà principalmente dalla durata di singoli accordi per lo streaming legati ai prodotti Disney a livello nazionale, ma in linea di massima, come riportato da Variety lo scorso aprile, l'Europa - e quindi l'Italia - il continente asiatico e l'America Latina dovrebbero tutti avere accesso al servizio entro la fine del 2020. Negli USA l'abbonamento a Disney+ da solo costerà 6,99 dollari (circa 6 euro) al mese, mentre il pacchetto che include Hulu ed ESPN+ costerà 12,99 dollari (circa 11,5 euro) al mese. È lecito supporre che i prezzi europei, al netto di eventuali complicazioni legate al pacchetto (al momento sia ESPN+ che Hulu sono disponibili solo sul territorio americano), si tengano sugli stessi livelli, soprattutto per attirare chi già è abbonato a Netflix o Amazon.

Il catalogo film e serie e i prodotti originali
A detta di Bob Iger, escludendo i film non adatti ai bambini, Disney+ finirà per contenere tutto il catalogo Disney, o quasi: vi è qualche dubbio su I racconti dello zio Tom, che negli USA non è mai uscito in home video a causa di controversie per il contenuto involontariamente razzista, e si vocifera di possibili modifiche ad alcuni classici animati contenenti scene potenzialmente offensive (si è parlato soprattutto della sequenza dei corvi in Dumbo, dato che il leader dei volatili in originale si chiama Jim Crow, come le leggi sulla segregazione razziale in vigore all'epoca). Al momento del lancio il servizio offrirà agli abbonati la possibilità di rivedere alcuni dei più recenti campioni d'incassi dei vari brand della major, tra cui Avengers: Endgame e Il Re Leone, nonché tutte e trenta le stagioni de I Simpson (ma senza l'episodio con la voce di Michael Jackson). Le uscite più recenti della Fox non saranno disponibili subito, a causa di un accordo precedente con la HBO che scadrà solo nel 2022.

Per quanto riguarda i prodotti originali, al momento del debutto saranno disponibili, tra le altre cose, Lilli e il vagabondo, remake live-action dell'omonimo classico; la commedia Noelle, dove Anna Kendrick interpreta la sorella del nuovo Babbo Natale (Bill Hader); una serie mockumentary basata su High School Musical; e The Mandalorian, la prima serie live-action ambientata nell'universo di Star Wars, a cura di Jon Favreau. Previsti anche diversi pacchetti di cortometraggi, tra cui SparkShorts (Pixar) e Short Circuit (Disney Animation), e il recentemente annunciato ritorno di Cip e Ciop. Dal 2020 arriveranno diverse miniserie legate al Marvel Cinematic Universe, tutte legate ai film delle Fasi Tre e Quattro del franchise, e altre espansioni seriali dell'universo lucasiano, tra cui la settima stagione di Star Wars e una miniserie incentrata su Obi-Wan Kenobi. In lavorazione anche vari reboot di proprietà Disney e Fox, tra cui La spada nella roccia e Mamma, ho perso l'aereo.

Ipotesi di successo
Alcuni esperti americani hanno stimato che, per via dei budget delle diverse produzioni originali e le altre spese legate al lancio della piattaforma, i veri guadagni per Disney+ arriveranno solo dopo qualche anno, intorno al 2024 circa. Per quanto concerne l'eventuale popolarità del servizio, il prezzo più basso rispetto a Netflix e l'offerta decisamente appetibile saranno i principali assi nella manica, in particolare per i fan della Marvel (le miniserie avranno un legame forte ed esplicito con i film, a differenza di precedenti incursioni seriali del MCU) e di Star Wars. Più generalmente, è lecito ipotizzare che la forza dei vari brand, unita a quello della Disney tout court e al target specifico, sia più che sufficiente per rendere la piattaforma parte integrante dell'entertainment soprattutto per le famiglie, che avranno accesso a ore e ore di contenuti per tutti i gusti, provenienti da ogni epoca della storia della Casa del Topo.

Differenza con le altre piattaforme streaming
Laddove entità come Netflix, Amazon e Hulu (quest'ultimo per il solo mercato americano) hanno costruito un catalogo che mescola produzioni proprie e film/serie di terzi, Disney+ sarà il primo servizio di streaming a tema cinema/TV su scala globale ad avere un'offerta fatta interamente in casa, sia per l'archivio che per le produzioni originali (prossimamente arriverà HBO Max, che fa un'operazione simile per i prodotti della Warner). E mentre gli altri servizi hanno un catalogo variegato che soddisfa tutte le età e, a seconda dei casi, richiede il parental control per impedire ai più piccoli di vedere programmi non adatti a loro, la piattaforma della Disney in teoria non avrà restrizioni simili per il semplice motivo che, al netto di una possibile separazione tra i prodotti PG-13 e il resto, tutta la sua offerta è calibrata per le famiglie.

Streaming con risoluzione 4K, HDR e Dolby Atmos
Il servizio della Disney offrirà anche la possibilità di visionare determinati titoli in risoluzione 4K, con suono Dolby Atmos e, a seconda dei dispositivi, HDR (High Dynamic Range). Sotto questo aspetto Disney+ sarà molto più competitivo di Netflix sul piano puramente economico, dato che questi upgrades non influiranno sul prezzo base, mentre le tariffe di Netflix variano in base alla risoluzione e al numero di dispositivi che si vogliono collegare contemporaneamente. Disney+, dal canto suo, senza aumentare i prezzi consentirà a quattro persone di collegarsi nello stesso momento, e di poter collegare l'account a un massimo di dieci dispositivi. Ogni abbonato, inoltre, avrà la possibilità di creare sette profili, con un'interfaccia diversa per i minori di 7 anni (Hulu ed ESPN+ hanno limitazioni proprie). Quanto alla possibilità di visionare i titoli offline, è stato dichiarato che non vi saranno limiti sul numero di film o episodi scaricabili da Disney+.


movieplayer
Registrato

Katia73
TDLStaff
Disney Utente
*


Scollegato Scollegato

Sesso: Femmina
Città: Provincia di Torino
Utente: Miss Tamara ECC
Messaggi: 20314

« Risposta #1 inserita:: 22 Settembre 2019, 12:44:50 »

Disney+ già disponibile nei Paesi Bassi

Il servizio di streaming Disney arriva in anteprima in Europa in una versione trial e free.

I Paesi Bassi è il primo Stato al mondo a poter usufruire del nuovo servizio streaming Disney, Disney Plus. La versione disponibile al momento nel Paese europeo non è ancora quella definitiva e mancano all’appello molti titoli del Catalogo Disney e le produzioni originali. Il servizio diventerà totalmente disponibile a pagamento a partire dal 12 novembre, contemporaneamente al lancio negli Stati Uniti e Canada, per poi approdare dopo una settimana Australia e Nuova Zelanda.

Disney Plus quando arriverà in Italia? Disney+ ovviamente approderà anche in Italia, ma la data ufficiale ancora non si conosce. Probabilmente il lancio italiano avverrà nei primi mesi del 2020.

L’aspetto positivo di questo nuovo, attesissimo, servizio Disney è il prezzo. Saranno disponibili due abbonamenti: uno mensile ed uno annuale. Il primo avrà il costo di soli 6,99 Euro ed il secondo di 69,99 Euro. Nulla a confronto di altri servizi streaming attualmente presenti che hanno costi ben più elevati.
Registrato

Daisy
Junior Admin
Disney Utente
*


Scollegato Scollegato

Sesso: Femmina
Città: Tempio Pausania
Utente: Paperinosa e Miss Ottimismo del forum!
Messaggi: 18933

Disney, what else?

WWW
« Risposta #2 inserita:: 22 Settembre 2019, 13:19:16 »

 Occhi al cielo icon_rolleyes
Registrato

Minu
Disney Utente

******


Scollegato Scollegato

Sesso: Femmina
Città: Casoni di Pieve Porto Morone
Messaggi: 2749

« Risposta #3 inserita:: 23 Settembre 2019, 10:32:13 »

Boh.....Io non ci capisco niente di ste cose.....
Registrato

Paperino
Disney Utente

******


Scollegato Scollegato

Sesso: Femmina
Città: Mantova
Utente: Pico della Mirandola del Forum!
Messaggi: 5355

« Risposta #4 inserita:: 23 Settembre 2019, 12:19:29 »

A chi lo dici.. non capisco neanche Netflix
Registrato
  • Pagine: 
  • 1
  Vai su Vai su
  Stampa  
precedente precedente - successivo successivo
 
Vai a:  

Powered by MySQL Powered by PHP Powered by SMF 1.1.5 | SMF © 2006-2007, Simple Machines LLC XHTML 1.0 valido! CSS valido!